Affrontare la paura del volo con la terapia VR (basata sulla realtà virtuale)

Le ricerche stimano che la paura di volare esiste nel 10-20% della popolazione. Alcune persone hanno paura di andare incontro d un incidente aereo, mentre altri hanno una paura di essere in un luogo chiuso, senza possibilità di fuga. Essi potrebbero temere di perdere il controllo o di subire un attacco di panico mentre in volo. I comportamenti che possono suggerire una paura di fondo di volare includono:

  • L’uso eccessivo di alcool o sedativi, o cambiamenti nel comportamento prima o durante un volo.
  • Scegliere mezzi alternativi anche quando l’utilizzo dell’aereo sarebbe la strategia più conveniente.
  • Evitare di pianificazione di appuntamenti che necessitano di prendere un aereo per incontrare il cliente.
  • Rifiuto di avanzamenti di carriera se il lavoro prospettato richiede viaggi e spostamento aerei.

Se sei una delle migliaia di persone che sono condizionate dall’aereofobia, la terapia basata sulla realtà virtuale potrebbe fare al caso tuo.
La terapia di esposizione tramite la realtà virtuale pone il cliente in diversi scenari in cui può provare l’esperienza dei vari aspetti del volo, partendo dalle fasi di preparazione al viaggio fino ad arrivare a ritrovarsi seduto sull’aereo durante il tragitto.


In un programma graduale e controllato, il cliente è esposto ad esperienze che suscitano più elevati livelli di ansia. Ogni fase può essere ripetuta fino a quando il cliente sta bene con l’esperienza e si sente soddisfatto della loro risposta.
Ad ogni passo, il terapeuta può vedere e sentire ciò che il cliente sta vivendo sul piano virtuale. Se il livello di ansia diventa schiacciante, il cliente può tornare ad un livello meno stressante di trattamento, o semplicemente rimuovere il visore e uscire dal velivolo virtuale.
Al cliente vengono insegnate, preventivamente, tecniche di rilassamento e di respirazione diaframmatica, e il tutto viene monitorato con l’uso di apparecchiature di biofeedback.

Queste nuove competenze apprese in studio attraverso la realtà virtuale, possono essere utilizzate come strategie di coping quando nella situazione di esposizione reale al volo.

L’intero processo:

  • dura 8-12 sessioni in media
  • vi porta attraverso una serie graduale di esperienze di volo (tra cui: seduto su un aereo con i motori spenti; seduto su un aereo con motori accesi su pista di decollo; volo con il bel tempo; volo in caso di maltempo, ecc)
  • il monitoraggio fisiologico è personalizzato per ogni cliente
  • è più veloce rispetto alla terapia tradizionale basata sull’esposizione graduale in immaginazione e in vivo.