Disturbi d’ansia

trattamento dei disturbi d'ansia a TorinoCi sono molte forme di ansia e molte strade per risolvere il problema.  Spesso si sente dire “è carattere”, “sono fatto così”, “sono una persona ansiosa” ma in realtà i disturbi d’ansia sono situazioni cliniche con ottime percentuali di successo terapeutico. In altre parole, si può imparare a vivere gestendo le proprie paure e non subendole!

E’ normale sentirsi ansiosi quando di fronte a una situazione difficile, come ad esempio un colloquio di lavoro, un esame o un appuntamento importante. Ma se le vostre preoccupazioni e le paure sembrano schiaccianti e interferiscono con la vostra vita quotidiana, si può essere affetti da un disturbo d’ansia. Ci sono molti diversi tipi di disturbi d’ansia e molti trattamenti efficaci e strategie di auto-aiuto. Una volta capito il disturbo d’ansia, ci sono passi che si possono adottare per ridurre i sintomi e riprendere il controllo della tua vita.

In questo articolo affronteremo:

Capire i disturbi d’ansia
L’ansia è la risposta naturale del corpo al pericolo, un allarme automatico che si accende quando si sente minacciato, sotto pressione, o è di fronte a una situazione stressante.
In giusta misura, l’ansia non è sempre una cosa negativa ma è il nostro naturale sistema che ci protegge e ci mette in guardia dai pericoli. L’ansia (o la paura) può aiutare a rimanere attenti e concentrati,  stimola l’azione e ci motiva a risolvere i problemi. Ma quando l’ansia è costante o travolgente, quando interferisce con le relazioni e le attività, smette di essere funzionale: passiamo dunque dall’ansia fisiologica (o attivazione psicofisiologica) ad una situazione inquadrabile come disturbo d’ansia.

Tipologie di disturbi d’ansia
ansia_2
Ci sono sei principali tipi di disturbi d’ansia, ognuno con il proprio profilo sintomatologico distinto: disturbo d’ansia generalizzato, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo di panico (attacchi di ansia), fobia, disturbo da stress post-traumatico e fobia sociale.

Disturbo d’ansia generalizzato
L’ansia generalizzata si caratterizza per la presenza di preoccupazioni e paure costanti, che vi distraggono dalle vostre attività quotidiane. Si accompagna ad una sensazione persistente che qualcosa di brutto stia per accadere. Le persone che soffrono di disturbo d’ansia generalizzato (DAG) si sentono ansiosi per quasi tutto il tempo, e non sempre ne capiscono il motivo. Nel DAG spesso compaiono sintomi fisici come insonnia, mal di stomaco, irrequietezza e stanchezza.

Attacchi d’ansia (disturbo di panico)
Il disturbo di panico (DAP) è caratterizzata da ripetuti e improvvisi attacchi di panico. Successivamente al primo episodio, subentra la paura di viverne un secondo, e si parla così di “paura della paura”, che genera un circolo vizioso di ansia. Il disturbo di panico può anche essere accompagnato da agorafobia, che è una paura di essere in luoghi in cui la fuga o l’aiuto sarebbe difficile nel caso di un attacco di panico. Se si soffre di agorafobia si cerca di evitare i luoghi pubblici come centri commerciali o anche spazi ristretti, come un aeroplano o ascensori.

Disturbo ossessivo-compulsivo
Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è caratterizzata da pensieri o comportamenti indesiderati che sembrano impossibili da fermare o controllare. Se avete il DOC potrete essere disturbati da ossessioni, come ad esempio una preoccupazione ricorrente di essersi dimenticati di spegnere il forno o che si potrebbe ferire qualcuno o ancora di essere contaminati da oggetti sporchi. A fianco alle ossessioni possono manifestarsi le compulsioni: gesti incontrollabili, come lavarsi le mani più e più volte o controllare di aver eseguito la stessa azione per innumerevoli volte.

Fobie
La fobia è una paura irrealistica o esagerata di un oggetto specifico, di una attività, o di una situazione che in realtà presenta poco o nessun pericolo. Fobie comuni includono paura degli animali come serpenti e ragni, la paura di volare, e la paura delle altezze. Caratteristica tipica di tutte le fobie è l’evitamento: ossia la tendenza a non avvicinarsi alla situazione/oggetto temuta per non subire il picco di ansia. Purtroppo l’evitamento è il comportamento che mantiene attiva la fobia e genera un circolo vizioso che andrà risolto in terapia.

Disturbo d’ansia sociale
L’ansia sociale consiste nella paura debilitante di essere visto negativamente da altri e/o umiliato in pubblico. Il disturbo d’ansia sociale è anche conosciuta come fobia sociale. Nei casi più gravi le situazioni sociali vengono evitate del tutto. L’ansia da prestazione (meglio conosciuto come paura del palcoscenico) è il tipo più comune di fobia sociale.

Disturbo da stress post-traumatico
Il disturbo post-traumatico da stress (DPTS) è un disturbo d’ansia estrema che può verificarsi a seguito di un evento traumatico vissuto personalmente o al quale si è assistito. I sintomi del DPTS comprendono flashback o incubi quello che è successo, ipervigilanza, ritiro sociale e evitamento di situazioni che ricordano l’evento, anche dopo molto tempo dopo l’accadimento dell’episodio scatenante.

Le opzioni di trattamento per i disturbi d’ansia
Ansia
I disturbi d’ansia rispondono molto bene al trattamento e spesso in un tempo relativamente breve. L’approccio trattamento specifico dipende dal tipo di disturbo d’ansia e la sua gravità. Ma in generale, la maggior parte dei disturbi d’ansia sono trattati con la terapia cognitivo-comportamentale, farmaci, o una combinazione dei due. A volte trattamenti complementari o alternative possono anche essere utile.

La terapia cognitivo- comportamentale per i disturbi d’ansia
La terapia comportamentale e la terapia di esposizione sono due tipi di terapia comportamentale, nel senso che si concentrano sul comportamento piuttosto che sui conflitti psicologici sottostanti o problemi del passato. La terapia comportamentale per l’ansia di solito prende tra 5 e 20 sedute, con cadenza settimanale.

La terapia cognitivo-comportamentale si concentra su pensieri-o-cognizioni oltre che sui comportamenti emessi. Nel trattamento del disturbo la terapia cognitivo-comportamentale aiuta a identificare e sfidare i modelli di pensiero negativi e le credenze irrazionali che alimentano l’ansia.

Farmaci per i disturbi d’ansia
I farmaci per l’ansia possono dare assuefazione e causare effetti collaterali indesiderati. E ‘importante valutare i benefici e i rischi in modo da poter prendere una decisione informata sul fatto che il farmaco sia proprio il trattamento giusto per voi. Una varietà di farmaci, tra cui benzodiazepine e gli antidepressivi, sono utilizzati nel trattamento dei disturbi d’ansia. Ma il farmaco è più efficace quando è combinato con la terapia cognitivo-comportamentale. Il farmaco può talvolta essere usato nel breve termine per alleviare i gravi sintomi di ansia in modo che altre forme di terapia possano essere perseguite.

Pensi di soffrire di un disturbo d’ansia? rispondi a queste semplici domande per avere un’indicazione!

Per richiedere informazioni sui percorsi di trattamento

Contact Form
* indicates required field