Superare la fobia degli aghi e dei medici con la realtà virtuale

La fobia degli aghi si manifesta con l’estrema paura e l’evitamento degli aghi associati alle iniezioni mediche. La fobia dell’ago è considerata una fobia specifica che colpisce più del 10% della popolazione. Essa è caratterizzata dall’evitamento delle situazioni associate a trattamenti medici, tra cui l’ottenimento di assistenza sanitaria di routine. Le conseguenze di tale evitamento possono comportare una esacerbazione di condizioni mediche pre-esistenti o la diagnosi ritardata di gravi condizioni di salute. Ci sono grandi differenze tra gli individui con questo tipo di fobia che possono essere suddivisi in quattro grandi categorie:

  • Un tipo è caratterizzato dalla reazione di riflesso vasovagale: una reazione di paura che determina la precipitazione della pressione sanguigna e (spesso) comporta svenimento. Questa reazione si verifica in genere solo dopo la pubertà, ed è più comune negli uomini rispetto alle donne.
  • E ‘molto comune per i bambini avere paura di aghi. Per la maggior parte di loro questa fobia sparirà con la crescita, tuttavia forzare i bambini ago fobici a sottoporsi a procedure mediche senza ulteriori supporti psicologici non farà che aumentare le probabilità che essi diventino ago-fobici da adulti e/o evitanti le procedure mediche.
  • Alcune persone hanno una sensibilità acuta al dolore e, sebbene le procedure con aghi siano indolore per la maggior parte delle persone, per questa categoria di persone può causare notevole dolore fisico.
  • Il tipo più raro di fobia dell’ago, ma è la tipologia la maggior parte delle persone pensa di avere, è una classica fobia che risulta da una prima esperienza traumatica. I casi di reali traumi legati alle procedure mediche sono in realtà molto pochi.

Nel nostro centro sopportiamo le persone che soffrono di fobia degli aghi o delle procedure mediche attraverso la terapia dell’esposizione attraverso la realtà virtuale.
I clienti sono in grado di vivere un’esperienza verosimile nella tranquillità di uno studio senza riceve iniezioni o prelievi del sangue. Il cliente è gradualmente esposto ad esperienze che suscitano più alti livelli di ansia che impara a gestire con le tecniche che vengono insegnate e suggerite.

La terapia con realtà virtuale è condotta nella sicurezza dell’ufficio, privo di aghi reali e sangue, permettendo al cliente di costruire lentamente le competenze e la fiducia necessaria per superare la fobia.